Obiettivi terapeutici per la gestione farmacologica della celiachia, il futuro oltre alla dieta senza glutine: una revisione – sefosseceliachia.drschaer.com

Logo Dr.Schaer: e se fosse celiachia?

Benvenuto/a!
Questo sito è dedicato ai medici. Qual è la tua professione?

Logo Dr.Schaer: e se fosse celiachia?

Benvenuto/a!
Questo tool è dedicato ai medici. Qual è la tua professione?

Obiettivi terapeutici per la gestione farmacologica della celiachia, il futuro oltre alla dieta senza glutine: una revisione

La celiachia (CD) è un’enteropatia immuno-mediata del piccolo intestino derivante dall’esposizione al glutine proveniente dalla dieta. Ad oggi l’unico trattamento efficace per la celiachia è l’adozione della dieta senza glutine (GFD) anche se l’aderenza ferrea a questa dieta è difficile da seguire e per la maggior parte dei pazienti è inevitabile esporsi al glutine inavvertitamente. Proprio per questo vi è un concreto interesse nello sviluppo di farmaci efficaci per la celiachia e sono in fase di ricerca numerose terapie innovative.
Lo scopo dello studio è stato quello di revisionare i trial clinici presenti e futuri nella ricerca di agenti farmacologici per la celiachia. È stata eseguita una revisione narrativa della letteratura sulle banche dati di MEDLINE, Embase, Cochrane CENTRAL Library e clinicaltrials.gov.
Gli autori hanno riassunto la fisiopatologia della celiachia e gli step specifici che possono essere potenzialmente utilizzati come trattamento farmacologico. Hanno valutato le evidenze a supporto dei target farmacologici esistenti e futuri, inclusi i trial per le peptidasi, i sequestratori di glutine, i regolatori delle tight junction, le terapie antitransglutaminasi 2, gli agenti immuno-tolleranti, biologici avanzati e piccole molecole e strategie dirette al microbioma. Lo studio ha evidenziato delle considerazioni uniche per condurre dei trial sulla CD, compresa l’identificazione della popolazione appropriata per gli studi, la valutazione dei risultati nel contesto di una gluten challenge e l’interpretazione dei risultati clinici e istologici specifici per la CD. La comprensione di tutti questi fattori è stata cruciale per valutare accuratamente le prove. Infine, hanno delineato cosa potrebbe riservare il futuro della terapia della celiachia con l’introduzione delle farmacoterapie.
In conclusione, emerge che sono necessarie opzioni farmacologiche per la celiachia da utilizzare come aggiunta alla GFD per le esposizioni intenzionali o accidentali al glutine oppure per la celiachia refrattaria. Molti farmaci promettenti sono in fase di sviluppo e potrebbero essere approvati nei prossimi 5 anni dando vita alla prima generazione di agenti farmacologici per la celiachia.